Come si legge l’etichetta energetica di un’asciugatrice

Risale al 2013 l’entrata in vigore della normativa europea che stabilisce l’etichettatura energetica degli elettrodomestici in commercio, asciugatrici incluse. Questo per dire che nel momento in cui si acquista un’asciugatrice si dovrà fare particolare attenzione all’etichetta energetica. Va premesso che non esiste un’etichetta standard, ma ogni modello presenta un’etichetta a sé, per quanto omologata nei contenuti ai dettami comunitari in materia di sicurezza. Nelle asciugatrici ante 2013 l’etichetta potrebbe essere diversa e più generica. L’importante è fare attenzione, al momento dell’acquisto, che sia riportato questo parametro, altrimenti è meglio rinunciare, potrebbe essere un falso o una macchina non affidabile.

Particolare attenzione va prestata nella lettura dell’etichetta. Il primo elemento da individuare e decifrare è la classe di efficienza energetica, che va di pari passo con i consumi di quel dato modello. La classe sarà indicata con una lettera, decifrabile da